Lettera di LIBERE TUTTE al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi

By firenzecittaaperta 6 mesi ago
Home  /  Comunicati  /  Lettera di LIBERE TUTTE al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi

Firenze Città Aperta sostiene con determinazione la proposta di Libere Tutte: in tempo di Coronavirus, la libertà di scelta delle donne deve essere tutelata e garantita. Mentre apprendiamo con sgomento che un’associazione cattolica fondamentalista vorrebbe approfittare dell’emergenza per sospendere le interruzioni volontarie di gravidanza, sottoscriviamo ogni parola della LETTERA che Libere Tutte ha indirizzato al Presidente della Regione Enrico Rossi. Qui il testo integrale:

Egregio Presidente della Regione Toscana dottor Enrico Rossi,

Quella che stiamo attraversando è un’emergenza pandemica mondiale che ha come principale strumento per contrastarla quello di evitare contatti con le altre persone e limitare l’accesso agli ospedali. Ospedali in sofferenza e personale sanitario allo stremo e che sta pagando un alto tributo anche in termini di vite umane.

L’emergenza ricade in misura superiore sulle donne, perché la cura della casa, la spesa, le pulizie, la gestione dei figli gravano pesantemente su loro. Inoltre i dati nazionali riferiscono un calo nelle segnalazioni di violenze domestiche dovuto alla difficoltà delle denunce da parte delle donne, spesso chiuse in casa con i propri persecutori. Da qui la campagna “mascherina 1522”.

Per quanto riguarda, inoltre, la questione dell’IVG nessuna misura, a oggi, è stata presa per affrontare l’emergenza. Con l’aumento dei contagi sono state via via sospese tutte le prestazioni differibili e non urgenti. Tra le prestazioni non differibili, ovviamente, rientrano le interruzioni volontarie di gravidanza.

Questo servizio, già in sofferenza a causa dell’aumento continuo dell’obiezione di coscienza (per cui sono nate reti regionali come in Toscana il “Coordinamento 194” e a livello nazionale “Pro-choise”), è ancora più a rischio a causa della pandemia. Occorre tener presente che potrebbero crearsi condizioni tali da veder superati i limiti temporali stabiliti dalla legge con il risultato concreto di non potersi più avvalere del diritto di interrompere la gravidanza e il ritorno all’aborto clandestino con tutti i pericoli che ciò comporterebbe per la salute della donna.

Per tali ragioni, in questo periodo di emergenza sanitaria, si chiede di potenziare l’aborto farmacologico e di effettuarlo negli ambulatori e consultori (in Toscana la percentuale è ancora molto bassa rispetto a molti paesi europei), snellire il percorso attuale e praticarlo anche negli ambulatori e nei consultori.

L’aborto farmacologico, effettuato nelle strutture sanitarie territoriali oltreché consentire l’accesso alle tecniche più moderne, più rispettose dell’integrità fisica e psichica e meno rischiose per la salute delle donne (v. art 8 legge 194/78), comporterebbe anche un notevole risparmio economico rispetto a quello chirurgico.

È necessario aumentare il periodo in cui si può effettuare l’aborto farmacologico portandolo, come previsto dall’Agenzia Europea del Farmaco, a 63 giorni di amenorrea.

Per le ragioni che abbiamo espresso, si chiede di poter procedere simultaneamente alla consegna del primo farmaco (Mifepristone) e alla prescrizione medica del secondo farmaco (Prostaglandine) con un unico passaggio nell’ambulatorio ospedaliero o in consultorio.

Per questo Le chiediamo di adottare, nell’immediato, misure provvisorie urgenti volte a garantire l’accesso alla interruzione volontaria di gravidanza, privilegiando la procedura farmacologia che permetterebbe, se condotta in conformità con le linee guida delle società scientifiche internazionali, di limitare gli accessi in ospedale e dunque il rischio di contagio.

Con i migliori saluti

Libere Tutte – Firenze

Firenze, 6 aprile 2020

Category:
  Comunicati
this post was shared 0 times
 100
About

 firenzecittaaperta

  (59 articles)