Sostieni Firenze Città Aperta

Firenze Città Aperta è autofinanziato: fai una donazione per far crescere questa esperienza!

Il progetto

L’associazione e le nostre attività

Scopri di più

Gli eletti

Sinistra Progetto Comune

Chi ci rappresenta

Contribuisci

Sostieni l’associazione

Come fare

Ultime News

Intervista di Controradio Firenze a Massimo Torelli sui #Referendum #Salviamo #Firenze

22 Gennaio 2023
Intervista (audio) di Controradio Firenze a Massimo Torelli sui #Referendum #Salviamo #Firenze #SalviamoFirenze#ReferendumSalviamoFirenze#CaraFirenze

Referendum “SALVIAMO FIRENZE”: e adesso?

22 Gennaio 2023
TEMPI E MODALITÀ (Al momento non serve firmare, si riparte a marzo) 14 GENNAIO – LANCIO DEI REFERENDUM Il Referendum è stato lanciato con la prima raccolta firme utili a depositare la richiesta di ammissibilità al Comune di Firenze. Servivano 100 firme ne abbiamo raccolte 600 (540 residenti, 60 non residenti). FEBBRAIO/MARZO – PARERE DI AMMISSIBILITÀ Il Collegio degli Esperti del Comune ha 30 giorni di tempo per valutare la richiesta. Altri 30 giorni sono a disposizione del Consiglio comunale per esprimere il parere definitivo di ammissibilità. In questa fase è importante tenere alto il dibattito pubblico in città per fare pressione sull’amministrazione. MARZO/GIUGNO – RACCOLTA DELLE FIRME Dal momento in cui il Referendum viene ammesso abbiamo 4 mesi di tempo per raccogliere 10.000 firme di residenti affinché il Referendum possa essere messo ai voti di tutta la cittadinanza. Servirà l’impegno di tutti e di tutte per la riuscita. #SalviamoFirenze#ReferendumSalviamoFirenze#CaraFirenze

I 2 quesiti del #ReferendumSalviamoFirenze

22 Gennaio 2023
I testi dei due referendum su urbanistica ed edilizia presentati a Firenze

Referendum “SALVIAMO FIRENZE”

17 Gennaio 2023
ℝ𝕖𝕗𝕖𝕣𝕖𝕟𝕕𝕦𝕞 “𝕊𝔸𝕃𝕍𝕀𝔸𝕄𝕆 𝔽𝕀ℝ𝔼ℕℤ𝔼” 𝐓𝐄𝐌𝐏𝐈 𝐄 𝐌𝐎𝐃𝐀𝐋𝐈𝐓𝐀̀ (Al momento non serve firmare, si riparte a marzo) 𝟏𝟒 𝐆𝐄𝐍𝐍𝐀𝐈𝐎 – 𝐋𝐀𝐍𝐂𝐈𝐎 𝐃𝐄𝐈 𝐑𝐄𝐅𝐄𝐑𝐄𝐍𝐃𝐔𝐌Il Referendum è stato lanciato con la prima raccolta firme utili a depositare la richiesta di ammissibilità al Comune di Firenze. Servivano 100 firme ne abbiamo raccolte 600 (540 residenti, 60 non residenti). 𝐅𝐄𝐁𝐁𝐑𝐀𝐈𝐎/𝐌𝐀𝐑𝐙𝐎 – 𝐏𝐀𝐑𝐄𝐑𝐄 𝐃𝐈 𝐀𝐌𝐌𝐈𝐒𝐒𝐈𝐁𝐈𝐋𝐈𝐓𝐀̀Il Collegio degli Esperti del Comune ha 30 giorni di tempo per valutare la richiesta. Altri 30 giorni sono a disposizione del Consiglio comunale per esprimere il parere definitivo di ammissibilità. In questa fase è importante tenere alto il dibattito pubblico in città per fare pressione sull’amministrazione. 𝐌𝐀𝐑𝐙𝐎/𝐆𝐈𝐔𝐆𝐍𝐎 – 𝐑𝐀𝐂𝐂𝐎𝐋𝐓𝐀 𝐃𝐄𝐋𝐋𝐄 𝐅𝐈𝐑𝐌𝐄Dal momento in cui il Referendum viene ammesso abbiamo 4 mesi di tempo per raccogliere 𝟭𝟬.𝟬𝟬𝟬 𝗳𝗶𝗿𝗺𝗲 𝗱𝗶 𝗿𝗲𝘀𝗶𝗱𝗲𝗻𝘁𝗶 affinché il Referendum possa essere messo ai voti di tutta la cittadinanza. Servirà l’impegno di tutti e di tutte per la riuscita. Qui una video-intervista a Dmitrij Palagi (consigliere comunale a #Firenze di Sinistra Progetto Comune) con la quale vengono riassunti i prossimi passaggi, oltre agli obbiettivi dei #Referendum: https://youtu.be/KxmzYNwS1E4 #SalviamoFirenze#ReferendumSalviamoFirenze#CaraFirenze

#ReferendumSalviamoFirenze

13 Gennaio 2023
𝙄 𝙧𝙞𝙘𝙘𝙝𝙞 𝙙𝙚𝙡 𝙢𝙤𝙣𝙙𝙤 𝙨𝙩𝙖𝙣𝙣𝙤 𝙘𝙤𝙢𝙥𝙧𝙖𝙣𝙙𝙤 𝙁𝙞𝙧𝙚𝙣𝙯𝙚, 𝙁𝙞𝙧𝙚𝙣𝙯𝙚 𝙨𝙞 𝙤𝙧𝙜𝙖𝙣𝙞𝙯𝙯𝙖 𝗦𝗔𝗕𝗔𝗧𝗢 𝟭𝟰 𝗚𝗘𝗡𝗡𝗔𝗜𝗢 𝟮𝟬𝟮𝟯 𝗶𝗻 𝗣𝗶𝗮𝘇𝘇𝗮 𝗱𝗲’ 𝗖𝗶𝗼𝗺𝗽𝗶𝗱𝗮𝗹𝗹𝗲 𝟭𝟭.𝟬𝟬 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝟭𝟯.𝟬𝟬 𝗲 𝗱𝗮𝗹𝗹𝗲 𝟭𝟲.𝟬𝟬 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝟭𝟵.𝟬𝟬 appuntamento per il lancio della raccolta firme in sostegno di 𝙍𝙀𝙁𝙀𝙍𝙀𝙉𝘿𝙐𝙈 𝙘𝙞𝙩𝙩𝙖𝙙𝙞𝙣𝙤 𝙎𝘼𝙇𝙑𝙄𝘼𝙈𝙊 𝙁𝙄𝙍𝙀𝙉𝙕𝙀 #SalviamoFirenze #ReferendumSalviamoFirenze La cittadinanza assiste da anni a un processo di svuotamento di Firenze, con 𝗴𝗿𝗮𝗻𝗱𝗶 𝗿𝗲𝗮𝗹𝘁𝗮̀ 𝗽𝗿𝗶𝘃𝗮𝘁𝗲 𝗽𝗿𝗼𝗻𝘁𝗲 𝗮 𝗰𝗼𝗺𝗽𝗿𝗮𝗿𝘀𝗶 𝘂𝗻 𝗽𝗲𝘇𝘇𝗼 𝗱𝗶 𝗰𝗶𝘁𝘁𝗮̀ 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝘃𝗼𝗹𝘁𝗮, 𝗰𝗿𝗲𝗮𝗻𝗱𝗼 𝘂𝗻𝗮 𝘃𝗲𝗿𝗮 𝗲 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗿𝗶𝗮 𝗯𝗼𝗹𝗹𝗮 𝗶𝗺𝗺𝗼𝗯𝗶𝗹𝗶𝗮𝗿𝗲, con un aumento sempre più forte del prezzo delle case e degli affitti, a fronte di beni e servizi sempre più a misura del turismo. 𝗟𝗮 𝗰𝗼𝘀𝗮 𝗻𝗼𝗻 𝘃𝗮𝗹𝗲 𝗽𝗶𝘂̀ 𝗽𝗲𝗿 𝗶𝗹 𝘀𝗼𝗹𝗼 𝗰𝗲𝗻𝘁𝗿𝗼 𝘀𝘁𝗼𝗿𝗶𝗰𝗼, 𝗱𝗮 𝗼𝗿𝗺𝗮𝗶 𝗱𝗶𝘃𝗲𝗿𝘀𝗶 𝗮𝗻𝗻𝗶. – grandi gruppi immobiliari internazionali acquistano continuamente pezzi di città spesso con rilevante valore storico-artistico; – gli appartamenti di lusso, ristrutturati o nuovi, anche fuori dal centro, hanno toccato il picco di circa 10.000 euro al metro quadro, con conseguente aumento dei prezzi nelle aree circostanti; – gli studentati di lusso svolgono sempre di più il ruolo di alberghi, godendo di una serie di condizioni di favore (lo Student Hotel di viale Spartaco Lavagnini è l’ottavo albergo a Firenze per tassa di soggiorno). Negli ultimi mesi si è consolidata la tendenza a giustificare la trasformazione in studentati di parti importanti del tessuto urbano, che però quasi sempre sono destinati a chi può permettersi cifre di pernottamento altissime. Gli effetti di tutto questo sono evidentissimi: – oltre 18.000 famiglie non trovano una casa in affitto; – chi vince i concorsi pubblici rinuncia ad entrare in servizio per la difficoltà a trovare un alloggio; – difficoltà fino all’impossibilità per chi studia fuori sede a trovare alloggi a prezzi non esorbitanti (se il prezzo di uno studentato di lusso arriva a € 2.000 al mese ovviamente salgono anche gli affitti nel settore delle case private); – esplosione del costo degli appartamenti; – aumento spesso insostenibile degli affitti per gli esercizi commerciali. Tutto questo in una città in cui si arriva ad avere 800 case popolari vuote e non assegnate. La conseguenza di medio periodo è l’espulsione progressiva della residenza da ampi pezzi di città e lo scivolamento verso una città “esclusiva” in cui sarà sempre più difficile vivere lavorare, studiare, anche per chi fino ad ora ce la faceva. Per aprire una discussione su questi grandi temi e non assistere con passività e rassegnazione, proponiamo di lanciare INSIEME due quesiti referendari comunali su norme urbanistiche. Non è un referendum come gli altri, ma è una possibilità per prendere parola sulla nostra città e rompere il silenzio. L’annuncio del nuovo Piano Operativo si limita a provare a mitigare alcuni danni, ma non riesce a garantire un futuro per un Comune vivo, che non sia solo merce da acquistare. 𝗣𝗲𝗿 𝗻𝗼𝗻 𝗮𝘀𝘀𝗶𝘀𝘁𝗲𝗿𝗲 𝗰𝗼𝗻 𝗽𝗮𝘀𝘀𝗶𝘃𝗶𝘁𝗮̀ 𝗲 𝗿𝗮𝘀𝘀𝗲𝗴𝗻𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲, 𝗰𝗶𝘁𝘁𝗮𝗱𝗶𝗻𝗲 𝗲 𝗰𝗶𝘁𝘁𝗮𝗱𝗶𝗻𝗶 𝗵𝗮𝗻𝗻𝗼 𝘀𝗰𝗲𝗹𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗼𝗿𝗿𝗲 𝗱𝘂𝗲 𝗾𝘂𝗲𝘀𝗶𝘁𝗶 𝗿𝗲𝗳𝗲𝗿𝗲𝗻𝗱𝗮𝗿𝗶 𝘀𝘂𝗹𝗹𝗲 𝗻𝗼𝗿𝗺𝗲 𝘂𝗿𝗯𝗮𝗻𝗶𝘀𝘁𝗶𝗰𝗵𝗲. 𝗖𝗶 𝗮𝗯𝗯𝗶𝗮𝗺𝗼 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗼 𝗰𝗼𝗺𝗲 𝗙𝗶𝗿𝗲𝗻𝘇𝗲 𝗖𝗶𝘁𝘁𝗮̀ 𝗔𝗽𝗲𝗿𝘁𝗮, 𝗺𝗮 𝗶 𝗾𝘂𝗲𝘀𝗶𝘁𝗶 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗼𝘀𝘁𝗶 𝗱𝗮 𝗰𝗵𝗶 𝘃𝗲𝗿𝗿𝗮̀ 𝗮 𝗳𝗶𝗿𝗺𝗮𝗿𝗲. Sarete voi le promotrici e i

Ultimi Comunicati

Intervista di Controradio Firenze a Massimo Torelli sui #Referendum #Salviamo #Firenze

22 Gennaio 2023
Intervista (audio) di Controradio Firenze a Massimo Torelli sui #Referendum #Salviamo #Firenze #SalviamoFirenze#ReferendumSalviamoFirenze#CaraFirenze

Referendum “SALVIAMO FIRENZE”: e adesso?

22 Gennaio 2023
TEMPI E MODALITÀ (Al momento non serve firmare, si riparte a marzo) 14 GENNAIO – LANCIO DEI REFERENDUM Il Referendum è stato lanciato con la prima raccolta firme utili a depositare la richiesta di ammissibilità al Comune di Firenze. Servivano 100 firme ne abbiamo raccolte 600 (540 residenti, 60 non residenti). FEBBRAIO/MARZO – PARERE DI AMMISSIBILITÀ Il Collegio degli Esperti del Comune ha 30 giorni di tempo per valutare la richiesta. Altri 30 giorni sono a disposizione del Consiglio comunale per esprimere il parere definitivo di ammissibilità. In questa fase è importante tenere alto il dibattito pubblico in città per fare pressione sull’amministrazione. MARZO/GIUGNO – RACCOLTA DELLE FIRME Dal momento in cui il Referendum viene ammesso abbiamo 4 mesi di tempo per raccogliere 10.000 firme di residenti affinché il Referendum possa essere messo ai voti di tutta la cittadinanza. Servirà l’impegno di tutti e di tutte per la riuscita. #SalviamoFirenze#ReferendumSalviamoFirenze#CaraFirenze

I 2 quesiti del #ReferendumSalviamoFirenze

22 Gennaio 2023
I testi dei due referendum su urbanistica ed edilizia presentati a Firenze

Referendum “SALVIAMO FIRENZE”

17 Gennaio 2023
ℝ𝕖𝕗𝕖𝕣𝕖𝕟𝕕𝕦𝕞 “𝕊𝔸𝕃𝕍𝕀𝔸𝕄𝕆 𝔽𝕀ℝ𝔼ℕℤ𝔼” 𝐓𝐄𝐌𝐏𝐈 𝐄 𝐌𝐎𝐃𝐀𝐋𝐈𝐓𝐀̀ (Al momento non serve firmare, si riparte a marzo) 𝟏𝟒 𝐆𝐄𝐍𝐍𝐀𝐈𝐎 – 𝐋𝐀𝐍𝐂𝐈𝐎 𝐃𝐄𝐈 𝐑𝐄𝐅𝐄𝐑𝐄𝐍𝐃𝐔𝐌Il Referendum è stato lanciato con la prima raccolta firme utili a depositare la richiesta di ammissibilità al Comune di Firenze. Servivano 100 firme ne abbiamo raccolte 600 (540 residenti, 60 non residenti). 𝐅𝐄𝐁𝐁𝐑𝐀𝐈𝐎/𝐌𝐀𝐑𝐙𝐎 – 𝐏𝐀𝐑𝐄𝐑𝐄 𝐃𝐈 𝐀𝐌𝐌𝐈𝐒𝐒𝐈𝐁𝐈𝐋𝐈𝐓𝐀̀Il Collegio degli Esperti del Comune ha 30 giorni di tempo per valutare la richiesta. Altri 30 giorni sono a disposizione del Consiglio comunale per esprimere il parere definitivo di ammissibilità. In questa fase è importante tenere alto il dibattito pubblico in città per fare pressione sull’amministrazione. 𝐌𝐀𝐑𝐙𝐎/𝐆𝐈𝐔𝐆𝐍𝐎 – 𝐑𝐀𝐂𝐂𝐎𝐋𝐓𝐀 𝐃𝐄𝐋𝐋𝐄 𝐅𝐈𝐑𝐌𝐄Dal momento in cui il Referendum viene ammesso abbiamo 4 mesi di tempo per raccogliere 𝟭𝟬.𝟬𝟬𝟬 𝗳𝗶𝗿𝗺𝗲 𝗱𝗶 𝗿𝗲𝘀𝗶𝗱𝗲𝗻𝘁𝗶 affinché il Referendum possa essere messo ai voti di tutta la cittadinanza. Servirà l’impegno di tutti e di tutte per la riuscita. Qui una video-intervista a Dmitrij Palagi (consigliere comunale a #Firenze di Sinistra Progetto Comune) con la quale vengono riassunti i prossimi passaggi, oltre agli obbiettivi dei #Referendum: https://youtu.be/KxmzYNwS1E4 #SalviamoFirenze#ReferendumSalviamoFirenze#CaraFirenze

#ReferendumSalviamoFirenze

13 Gennaio 2023
𝙄 𝙧𝙞𝙘𝙘𝙝𝙞 𝙙𝙚𝙡 𝙢𝙤𝙣𝙙𝙤 𝙨𝙩𝙖𝙣𝙣𝙤 𝙘𝙤𝙢𝙥𝙧𝙖𝙣𝙙𝙤 𝙁𝙞𝙧𝙚𝙣𝙯𝙚, 𝙁𝙞𝙧𝙚𝙣𝙯𝙚 𝙨𝙞 𝙤𝙧𝙜𝙖𝙣𝙞𝙯𝙯𝙖 𝗦𝗔𝗕𝗔𝗧𝗢 𝟭𝟰 𝗚𝗘𝗡𝗡𝗔𝗜𝗢 𝟮𝟬𝟮𝟯 𝗶𝗻 𝗣𝗶𝗮𝘇𝘇𝗮 𝗱𝗲’ 𝗖𝗶𝗼𝗺𝗽𝗶𝗱𝗮𝗹𝗹𝗲 𝟭𝟭.𝟬𝟬 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝟭𝟯.𝟬𝟬 𝗲 𝗱𝗮𝗹𝗹𝗲 𝟭𝟲.𝟬𝟬 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝟭𝟵.𝟬𝟬 appuntamento per il lancio della raccolta firme in sostegno di 𝙍𝙀𝙁𝙀𝙍𝙀𝙉𝘿𝙐𝙈 𝙘𝙞𝙩𝙩𝙖𝙙𝙞𝙣𝙤 𝙎𝘼𝙇𝙑𝙄𝘼𝙈𝙊 𝙁𝙄𝙍𝙀𝙉𝙕𝙀 #SalviamoFirenze #ReferendumSalviamoFirenze La cittadinanza assiste da anni a un processo di svuotamento di Firenze, con 𝗴𝗿𝗮𝗻𝗱𝗶 𝗿𝗲𝗮𝗹𝘁𝗮̀ 𝗽𝗿𝗶𝘃𝗮𝘁𝗲 𝗽𝗿𝗼𝗻𝘁𝗲 𝗮 𝗰𝗼𝗺𝗽𝗿𝗮𝗿𝘀𝗶 𝘂𝗻 𝗽𝗲𝘇𝘇𝗼 𝗱𝗶 𝗰𝗶𝘁𝘁𝗮̀ 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝘃𝗼𝗹𝘁𝗮, 𝗰𝗿𝗲𝗮𝗻𝗱𝗼 𝘂𝗻𝗮 𝘃𝗲𝗿𝗮 𝗲 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗿𝗶𝗮 𝗯𝗼𝗹𝗹𝗮 𝗶𝗺𝗺𝗼𝗯𝗶𝗹𝗶𝗮𝗿𝗲, con un aumento sempre più forte del prezzo delle case e degli affitti, a fronte di beni e servizi sempre più a misura del turismo. 𝗟𝗮 𝗰𝗼𝘀𝗮 𝗻𝗼𝗻 𝘃𝗮𝗹𝗲 𝗽𝗶𝘂̀ 𝗽𝗲𝗿 𝗶𝗹 𝘀𝗼𝗹𝗼 𝗰𝗲𝗻𝘁𝗿𝗼 𝘀𝘁𝗼𝗿𝗶𝗰𝗼, 𝗱𝗮 𝗼𝗿𝗺𝗮𝗶 𝗱𝗶𝘃𝗲𝗿𝘀𝗶 𝗮𝗻𝗻𝗶. – grandi gruppi immobiliari internazionali acquistano continuamente pezzi di città spesso con rilevante valore storico-artistico; – gli appartamenti di lusso, ristrutturati o nuovi, anche fuori dal centro, hanno toccato il picco di circa 10.000 euro al metro quadro, con conseguente aumento dei prezzi nelle aree circostanti; – gli studentati di lusso svolgono sempre di più il ruolo di alberghi, godendo di una serie di condizioni di favore (lo Student Hotel di viale Spartaco Lavagnini è l’ottavo albergo a Firenze per tassa di soggiorno). Negli ultimi mesi si è consolidata la tendenza a giustificare la trasformazione in studentati di parti importanti del tessuto urbano, che però quasi sempre sono destinati a chi può permettersi cifre di pernottamento altissime. Gli effetti di tutto questo sono evidentissimi: – oltre 18.000 famiglie non trovano una casa in affitto; – chi vince i concorsi pubblici rinuncia ad entrare in servizio per la difficoltà a trovare un alloggio; – difficoltà fino all’impossibilità per chi studia fuori sede a trovare alloggi a prezzi non esorbitanti (se il prezzo di uno studentato di lusso arriva a € 2.000 al mese ovviamente salgono anche gli affitti nel settore delle case private); – esplosione del costo degli appartamenti; – aumento spesso insostenibile degli affitti per gli esercizi commerciali. Tutto questo in una città in cui si arriva ad avere 800 case popolari vuote e non assegnate. La conseguenza di medio periodo è l’espulsione progressiva della residenza da ampi pezzi di città e lo scivolamento verso una città “esclusiva” in cui sarà sempre più difficile vivere lavorare, studiare, anche per chi fino ad ora ce la faceva. Per aprire una discussione su questi grandi temi e non assistere con passività e rassegnazione, proponiamo di lanciare INSIEME due quesiti referendari comunali su norme urbanistiche. Non è un referendum come gli altri, ma è una possibilità per prendere parola sulla nostra città e rompere il silenzio. L’annuncio del nuovo Piano Operativo si limita a provare a mitigare alcuni danni, ma non riesce a garantire un futuro per un Comune vivo, che non sia solo merce da acquistare. 𝗣𝗲𝗿 𝗻𝗼𝗻 𝗮𝘀𝘀𝗶𝘀𝘁𝗲𝗿𝗲 𝗰𝗼𝗻 𝗽𝗮𝘀𝘀𝗶𝘃𝗶𝘁𝗮̀ 𝗲 𝗿𝗮𝘀𝘀𝗲𝗴𝗻𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲, 𝗰𝗶𝘁𝘁𝗮𝗱𝗶𝗻𝗲 𝗲 𝗰𝗶𝘁𝘁𝗮𝗱𝗶𝗻𝗶 𝗵𝗮𝗻𝗻𝗼 𝘀𝗰𝗲𝗹𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗼𝗿𝗿𝗲 𝗱𝘂𝗲 𝗾𝘂𝗲𝘀𝗶𝘁𝗶 𝗿𝗲𝗳𝗲𝗿𝗲𝗻𝗱𝗮𝗿𝗶 𝘀𝘂𝗹𝗹𝗲 𝗻𝗼𝗿𝗺𝗲 𝘂𝗿𝗯𝗮𝗻𝗶𝘀𝘁𝗶𝗰𝗵𝗲. 𝗖𝗶 𝗮𝗯𝗯𝗶𝗮𝗺𝗼 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗼 𝗰𝗼𝗺𝗲 𝗙𝗶𝗿𝗲𝗻𝘇𝗲 𝗖𝗶𝘁𝘁𝗮̀ 𝗔𝗽𝗲𝗿𝘁𝗮, 𝗺𝗮 𝗶 𝗾𝘂𝗲𝘀𝗶𝘁𝗶 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗼𝘀𝘁𝗶 𝗱𝗮 𝗰𝗵𝗶 𝘃𝗲𝗿𝗿𝗮̀ 𝗮 𝗳𝗶𝗿𝗺𝗮𝗿𝗲. Sarete voi le promotrici e i

Prossimi Eventi

———————————–

Non ci sono eventi in arrivo al momento.

Seguici su