RSA e Covid-19: la necessità di avere informazioni

By firenzecittaaperta 5 mesi ago
Home  /  Comunicati  /  RSA e Covid-19: la necessità di avere informazioni

“Le RSA e le RA presentavano numerosi problemi anche prima dell’emergenza Covid-19. Ne abbiamo parlato numerose volte, sia in Regione Toscana che all’interno di Palazzo Vecchio, anche grazie alle proposte o alle denunce della sinistra di opposizione. Le associazioni a tutela dei diritti e le parti sindacali da anni denunciano limiti e mancanze di un sistema da ripensare. La scelta di schiacciare tutto nella dialettica pubblico-privato non ci convince, pur essendo indiscutibilmente a favore del pubblico.

Ci sono troppi luoghi dimenticati dalla società, vissuti come spazi in cui nascondere le fragilità, di cui il sistema non è in grado di farsi carico. Il volontariato e la generosità dei parenti sono spesso l’unica soglia a difesa della dignità umana delle persone. In queste settimane il tema è esploso a livello nazionale e anche sul nostro territorio aumenta la paura. In una democrazia la premessa indispensabile è l’informazione. Cosa succede all’interno delle RSA e delle RA? Spesso le comunicazioni mancano addirittura tra utenza e nuclei familiari. È uno dei temi posti anche da lettere dell’associazioni rivolte direttamente a Palazzo Vecchio.

Poi c’è un livello di informazione fortemente richiesto dalle parti sindacali, rispetto alle condizioni di chi lavora nelle strutture, a propria tutela e a tutela delle persone ospitate. Si aggiunge il piano più strettamente istituzionale: come viene gestita la situazione sul territorio? Quante strutture sono interessate da commissariamento? Quali problematicità maggiori sono emerse? Come procedono i monitoraggi? Per chi lavora e per l’utenza quanti tamponi vengono fatti, in che tempi? Quali sono i dati e come vengono aggiornati per quanto riguarda gli alberghi Covid-19? Come si immagina la gestione delle quarantene e del distanziamento che dovrà proseguire ancora per qualche mese?

La sensazione in città non è positiva. Le persone morte comunicate come numeri, un forte silenzio attorno alle situazioni critiche, l’estremo imbarazzo di dover ammettere che le situazioni fragili sono rimaste indietro nell’emergenza…

Il Consiglio comunale può e deve svolgere una funzione di informazione, controllo e di dialogo con la cittadinanza, anche a partire dai Consigli di quartiere. A questo livello, infatti, ci risulta che solo in un caso siano arrivate alcune delle risposte alle domande dei nostri gruppi. Come Sinistra Progetto Comune abbiamo anche recentemente promosso un’iniziativa pubblica telematica in cui abbiamo evidenziato l’importanza della politica e dei territori nel ripensare un sistema socio-sanitario attaccato da decenni di tagli, che deve lavorare sulla cura e sulla prevenzione.

La seduta delle commissioni congiunte di venerdì deve dare delle risposte. In questi giorni le paure e i timori aumentano, giorno dopo giorno, ora dopo ora. Il modo migliore per uscire da questa situazione è conoscere il quadro reale. Ascoltare. Rispondere. Non è semplice, ma è indispensabile”.

Firenze Città Aperta e Sinistra Progetto Comune

Foto di Engin Akyurt da Pixabay

Category:
  Comunicati
this post was shared 0 times
 000
About

 firenzecittaaperta

  (59 articles)